Sconfitta al supplementare per i Tigers Cesena che si consolano con l’ottima prestazione di Matteo Frassineti che mette a segno ben 17 punti. In evidenza anche Papa, Sacchettini e Brkic. Decisivi però gli errori nei momenti caldi della partita. Ora la Amadori punterà tutto sul doppio turno interno per strappare la prima posizione al termine della regular season.

Ancora senza De Fabritiis, fermo per una pubalgia, coach Di Lorenzo mette in quintetto Trapani, Frassineti, Raschi, Papa e Sacchettini. L’avvio è tutto di marca lecchese con Olginate che a 4’32’’ dal primo mini-intervallo piazza uno scioccante 18-4, frutto di una precisione micidiale dall’arco e dell’attacco asfittico di Cesena. Troppo poco il contributo del solo Papa, suoi i 4 punti, e del volenteroso Raschi di fronte al numero esiguo di rimbalzi offensivi catturati da Cesena. A 3’43’’ però Frassineti firma due bombe d’autore con le quali i Tigers provano a prendere coraggio, ma è subito pronto a rispondere Bugatti che segna e subisce fallo da Raschi senza però chiudere il gioco da 3 punti. Sull’altro lato del campo Frassineti segna il suo ottavo punto personale che vale il – 10, 22-12 a 1’27’’. Tocca infine a capitan Brkic chiudere il primo quarto con un canestro dall’arco che vale il 24-15.

Nel secondo quarto la Amadori trova la quadra in difesa e manda le percentuali lombarde in picchiata. Di Lorenzo pesca dal mazzo la coppia Brkic – Sacchettini che conferisce il giusto equilibrio al gioco romagnolo. Così, passo dopo passo, a cominciare dai rimbalzi, su ambo i lati, i Tigers trovano la retta via. Dopo il tap-in di Papa su errore di Dagnelo, è il capitano a colpire dall’arco. Prima dall’arco, a 8’33’’, poi con 2/2 dalla lunetta che fissa il 26-22. Cesena l’ha rimessa in piedi. Marinò batte un colpo per i padroni di casa rispondendo son una tripla, ma la Amadori ha la faccia giusta e quando Di Lorenzo, a 7’02’’, affianca Sacchettini a Brkic, per i romagnoli inizia una nuova partita. A 1’50’’ il capitano sigla dalla linea della carità il pareggio a quota 33 e a 14’’ uno splendido assist di Raschi manda Sacchettini alla schiacciata imperiosa del 36-37. La bomba dell’ottimo Bugatti chiude il primo tempo sul 39-37.

In avvio di terzo quarto le squadre prendono a rispondersi colpo su colpo. Olginate ruba un paio di palloni senza però riuscire a punire Cesena. Idem per la Amadori ed Il punteggio ne risente. A 3’21’’ il parziale è in perfetto equilibrio, sul 7-7, che vale il 46-44 per i padroni di casa. Le squadre non segnano più correndo da una parta all’altra del campo senza raccogliere nulla fino al 46 pari firmato con tantissima fatica da Frassineti a 1’13’’ poi subito tramutato in sorpasso dal contropiede di Papa. Tocca poi alla bomba di Frassineti scrivere il 46-51 a 16’’ dall’ultimo mini-intervallo. Olginate non trova il canestro allo scadere e Cesena chiude avanti di 5.

Nell’ultimo quarto continua a regnare l’equilibrio. Cesena sembra poter prendere l’abbrivio giusto con Brkic e Papa a portare le squadre sul 48-55, ma due triple sbagliate dal capitano offrono l’opportunità a Olginate di ricucire con due percorsi netti dalla lunetta. Sempre dalla line dalla carità la Amadori risponde con un 1/2 di Raschi e uno 0/2 di Brkic cui segue un canetro dalla distanza di Mrinò. A 5’01’’ Dagnello, ancora dalla linea della carità, imbuca solo il primo e il secondo si tramuta in un ottimo canestro da sotto di Tagliabue che scrive il 56-57. Battisti, a 4’19’’ pesca dal pitturato un altro viaggio in lunetta che gli permette di portare Cesena sul 56-59. Ma subito dopo Caversazio va a segno con un gioco da 3 punti per il 59 pari, cui risponde da sotto Dagnello per il nuovo vantaggio romagnolo. Lo stesso Dagnello però commette infrazione di passi a 3’02’’ e coach Meneguzzo chiama time out. All’uscita dal time ou, sul 59-61. La partita sembra indirizzarsi verso un arrivo in volata. L’ennesimo per la Amadori. Bugatti sbaglia dalla lunga, Frassineti lo imita, ma a rimbalzo Brkic subisce fallo e va in lunetta. E’ percorso netto e Cesena è avanti 59-63 a 2’13’’. Subito dopo però Bartoli punisce dall’arco e manda Olginate ad una sola incollatura dai Tigers che rispondono con un 2/2 ai liberi di Frassineti. A1’17’’ ancora Bartoli dall’arco a fissare il 65 pari e Cesena perde palla in attacco con un fallo in attacco fischiato a Papa. Sale la tensione. Il tempo scorre. A poco meno di 5’’, dopo l’errore di Dagnello da tre e quello di Marinò, Papa prova a prendere rimbalzo ma commette infrazione di piede. Dalla rimessa nasce il tiro da 3 di Caversazio allo scadere. In e out. La palla esce e la partita va ai supplementari.

La tensione si taglia con il coltello. L’equilibrio regna sovrano, ma soprattutto i Tigers sbagliano molto al tiro. A 1’15’’ Brkic va in lunetta e segna il 70-69, seguito poi da Papa che, a 12’’ segna sempre dalla linea della carità il 70-71. A 4’’ De Bettin, palla in mano, sfrutta il vantaggio sulla marcatura in punta di Brkic e pesca il fallo sul primo passo. I tiri liberi premiano i padroni di casa che si trovano avanti 72-71 ad una manciata di secondi. Il time out di Di Lorenzo manda Cesena alla rimessa in zona d’attacco, ma Battisti riesce solamente a tentare una conclusione dalla media, in precario equilibrio, che prende appena il ferro.

 

Amadori Tigers Cesena – NPO Gordon Olginate  (24-15; 15-22; 7-14; 19-14; 7-6)

NPO Gordon Olginate: Bet NE, Bugatti 14, Errera NE, Tagliabue 12, Masocco NE, Gorreri 1, Marinò 10, Bartoli 18, Caversazio 5, Carella 4, Spera 2, De Bettin 6. All.: Massimo Meneguzzo. Ass.: Ivano Perego.

Amadori Tigers Cesena: Ferraro, Dagnello 7, Trapani, Rossi NE, Battisti 7, Papa 12, Frassineti 17, Raschi 1, Poggi NE, Sacchettini 11, Brkic 16. All.: Giampaolo Di Lorenzo. Ass.: Roberto Villani. 

 

Massimo Framboas
Ufficio Stampa Amadori Tigers Cesena