Sono gli Amadori Tigers Cesena i primi a qualificarsi alle semifinali di Coppa Italia. Il tutto grazie ad una partita condotta per gli interi 40 minuti in virtù soprattutto di una maiuscola prova difensiva. L’essenza della partita dei Tigers è tutta negli ultimi 8’’ di match, con Duranti che rimette in attacco per Salerno. Palla sotto a Diomede che sbaglia, stretto nella morsa della difesa malatestiana ed è costretto a scaricare fuori per Villa che lancia la preghiera dai 6,75 a fil di sirena. Palla fuori e Cesena è in semifinale.

Ma prima? Beh, che la difesa della Amadori potesse incidere sul match lo si è capito fin da subito, quando, a 5’55’’ dal primo mini intervallo Cesena costringe coach Menduto al time out sul 13-4 per i romagnoli. E’ il canovaccio dell’impero primo tempo. Brkic e Sacchettini a fare buona guardia sotto canestro e Matteo Battisti a guidare i Tigers con fosforo e assist illuminanti. Quando poi Sacchettini centra la bomba del 28-17 a 6’29’’ dall’intervallo lungo e, non pago, segna in area, a 3’22’’ la Amadori vola sul 34 – 19. Salerno però non molla, sospinta da un Leggio superlativo che a fine partita scriverà 19 sul proprio tabellino personale. Il contro break campano manda le squadre al riposo sul 34 – 27, con una partita ancora tutta da raccontare.

Nel terzo quarto la difesa di Salerno annebbia le idee dei Tigers in attacco, mentre Di Lorenzo attinge a piene mani dalla panchina. L’inerzia passa nelle mani dei blaugrana che accorciano pur segnando poco, grazie a qualche errore di troppo di una Cesena comunque brava a costruirsi tiri aperti, ma sprecona nel finalizzare.

L’ultimo quarto si apre con la Amadori avanti 47 – 42. Occorre attendere quasi 2 minuti per vedere un canestro, anzi due, dalla lunetta, griffati Dagnello. Quattro minuti più tardi, ancora dalla lunetta, è Raschi a riportare in doppia cifra il vantaggio di Cesena, ma la Virtus risponde con un 5 – 0 di parziale che non permette ai Tigers di chiudere il match anzitempo. Anzi, Salerno prende l’abbrivio giusto e a 3’18’’ Duranti segna da 3 riportando i campani pericolosamente sotto 58 – 53. A 2’04’’ Cesena commette l’errore di concedere agli avversari ben tre tentativi dall’arco nella stessa azione e, al terzo, Roberto Maggio segna il 59 – 56, prima di commettere il quinto fallo su Brkic e salutare così il match. Il capitano cesenate compie solamente a metà il proprio dovere a cronometro fermo ma si riscatta immediatamente con una palla recuperata di importanza capitale. I Tigers però non concludono positivamente l’azione offensiva e, a 8’’, il time out dal quale Salerno esce per l’attacco del pareggio di cui sopra.

Cesena passa dunque con merito il turno ed in semifinale se la vedrà con la vincete fra Caserta e Faenza, a Porto San Giorgio, sabato 2 marzo alle 12:30. Diretta della partita sul canale YouTube di LNP.

  

Amadori Tigers Cesena – Virtus Arechi Salerno 59 – 56 (21-15; 13-12; 13-15; 12-14)

Amadori Tigers Cesena: Ferraro, Dagnello 5, Trapani, Rossi NE, Battisti 12, De Fabritiis 2, Raschi 10, Poggi NE, Sacchettini 11, Brkic 13. All.: Giampaolo Di Lorenzo. Ass.: Roberto Villani

Virtus Arechi Salerno: Tortù 7, Villa 7, Czumbel, Antonaci NE, Duranti 6, Maggio 3, Corvo NE, Leggio 19, Visnjic 6, Diomede 8. All.: Orlando Menduto. Ass.: Mario Menduto.

 

Massimo Framboas
Ufficio Stampa Amadori Tigers Cesena