Sfuma nel finale la vittoria per le Tigers Rosa contro una Umbertide che nel momento decisivo del match, il finale, fa valere la maggiore esperienza. Alle arancionere, oltre alla logica amarezza, restano comunque le buone sensazioni di una partita giocata alla pari e soprattutto una classifica che continua a vedere le romagnole in vantaggio rispetto alle dirette concorrenti. Perde infatti Alghero, ultima a -2 dalla coppia formata da Tigers Rosa e Virtus Cagliari, con quest’ultima chiamata ad osservare il turno di riposo.

Nei poco meno di 40 minuti che precedono l’epilogo, la ragazze di coach Castelli, guidate da Lucia Missanelli (17 punti e 6 rimbalzi), Benedetta Gramaccioni (10 punti e 3 assist) e Sara Zavalloni (13 punti con 3/5 da 3), mettono in campo una partita che, in fin dei conti, avrebbero meritato di vincere. Nettamente meglio al tiro le Tigers Rosa rispetto ad Umbertide, con le romagnole che centrano il canestro con il 46% da 2 ed il 37% dai 6,75 contro il 38% da 2 ed il 27% da 3 delle avversarie. A fare la differenza, alla fine, sono le 19 palle perse dalle padrone di casa, non soltanto perché numericamente superiori a quelle della formazione umbra, ma anche perché condizionano gli ultimi secondi di match, vanificando il 65 – 64 interno a 90’’ dalla sirena.

Così il GM delle Tigers Rosa, Claudio Bagnoli, a fine partita: “Resta il rammarico per non aver centrato il successo che forse meritavamo. Potevamo gestire meglio gli ultimi possessi, poi nel finale gli episodi ci hanno girato le spalle. Peccato perché siamo in crescita.”

Tigers Rosa – Pall. Femm. Umbertide 65 – 69 (23-24; 15-10; 11-19; 16-16)

Tigers Rosa: Zampiga 8, Zavalloni 13, Vespignani, Pieraccini 6, Melandri 2, Patera 6, Gramaccioni 10, Balestra NE, Missanelli 17, Olajide 3. All.: Andrea Castelli.

Pall. Femm. Umbertide: Giudice 13, Mandic 13, Fusco 11, Conti Ne, Dettori 19, Morelli NE, Paolocci 10, Meschi 3, Cutrupi, Catalino. All.: Alessandro Contu.

 

Massimo Framboas
Ufficio Stampa Tigers