10
player

Gabriele Rossi

Play
Nazionalità:
flag Italy, Forlì
Età:
18
Peso:
70 Kg
Altezza:
175 cm
0
Tiri da 2
0
Tiri da 3
0
Tiri Liberi
0
Punti
0
Rimbalzi
0
Stoppate
0
Recuperi
0
Assist
Società di Provenienza

THE PLAYER

Gabriele Rossi, figlio di Maurizio Rossi, ex ciclista professionista che partecipò a suo tempo al Giro d’Italia, da sempre “respira aria di sport” in casa ed inizia così all’età di 11 anni a giocare a basket, disciplina che ha comunque sempre seguito da appassionato. Si fa le ossa presso la Pgs Basket Don Bosco, all’epoca settore giovanile della Fulgor Libertas Forlì. Lì conosce l’allenatore Alessandro Tumidei, che diverrà poi vice allenatore della Pallacanestro Forlì 2.015 in A2. Resta in Fulgor Libertas fino all’età di 15 anni, quando conosce Pietro Plachesi e decide di passare ai Tigers Forlì, che all’epoca militano in C Gold. Nel 2016 i Tigers Forlì salgono in Serie B e anche il giovane Gabriele Rossi viene coinvolto nel progetto da coach Di Lorenzo che decide di inserirlo nel programma di preparazione della prima squadra, anche se durante l’anno continua ad essere un giocatore fondamentale per l’under 20 e l’Under 18. Durante la sua esperienza con la serie B Gabriele cresce lavorando al fianco di giocatori del calibro di Rombaldoni, Carraretto e Villani. Si sta allenando molto duramente per poter dimostrare di meritarsi per il secondo anno consecutivo il ruolo, la maglia e il posto nella squadra forlivese.

Le parole per descrivere Gabriele Rossi sono: umiltà, sacrificio e passione. E’ un ragazzo con i piedi per terra, che studia all’ultimo anno dell’Istituto Alberghiero, vive di basket e nel tempo libero adora pescare.

 

 

 

 

 

 

DICONO DI LUI

Marino Mambelli (coach under 18): “Gabriele è un ragazzo veramente sveglio, apprende in fretta. Da quando è arrivato nei Tigers è stata un’evoluzione continua! Si è trasformato completamente ed è un playmaker che si è sempre fatto valere su ogni campo, dimostrando di meritare il ruolo anche a coach Di Lorenzo. Con la sua volontà e faccia tosta, riuscirà a guadagnarsi ancora più minuti della passata stagione”.Alessandro Tumidei (responsabile tecnico settore giovanile International Imola):” L’ho conosciuto in Under 13 quando l’ho allenato nella Fulgor Libertas. Era un bimbo piccolo ma con una conoscenza del gioco incredibile, una passione smisurata. Guardava tutte le partite possibili dalle giovanili alle senior e si capiva che avrebbe giocato, era troppo intelligente in campo. Oggi è cambiato soprattutto fisicamente dove sta diventando uomo e quindi sta sviluppando i propri muscoli e sta prendendo coscienza delle sue possibilità. In futuro sicuramente migliorerà ancora tecnicamente, grazie a Dilo, ma soprattutto dovrà lavorare molto fisicamente per poter giocare sicuramente a buon livello”.

Joel Myers (ex compagno): “Secondo me è un giocatore molto bravo, brillante. Ti sorprende per la sua intelligenza di gioco e spettacolarità nonostante la giovane età. Ha un buonissimo tiro ma dovrebbe migliorare dal lato tecnico, aumentando la massa muscolare, ma lui lo sa. Quest’anno giocherà come cambio del play e sono sicuro che potrà meritarsi i suoi 10-12 minuti di partita, togliendosi qualche soddisfazione e facendosi magari le ossa per un ruolo da protagonista per le stagioni future. Si è sempre impegnato con costanza e senza mai troppe difficoltà. Questa è una grande opportunità e gli faccio un grande in bocca al lupo”.

Pietro Plachesi (Presidente Tigers Basket 2014): “Ho incontrato Gabriele 3 anni fa, quando giocava nel settore giovanile della Fulgor Libertas insieme a mio figlio. Erano stati messi un po’ da parte a favore di giocatori più avanti nella preparazione, rimanendo in una zona d’ombra. Quando conobbi il presidente Valgimigli e la realtà dei Tigers, decisi di portare lì mio figlio Andrea, Gabriele e altri ragazzi. Lì iniziò ad allenarsi con profitto e costanza, tanto da meritarsi un posto anche nella panchina dell’ allora serie C Gold, con coach Conti. Sono stato molto felice di questa scelta e con il tempo ha dato anche i frutti sperati: un giovane capace di contribuire anche in una realtà importante come la serie B. Ha ancora grandi margini di miglioramento e ci aspettiamo grandi cose, anche se come sempre tutto dipenderà da lui. Ricordo che durante una partita, per un intero quarto, dettò i ritmi del gioco segnando solo lui tiri da tre punti. Personalmente sono molto orgoglioso di vedere un forlivese, giocare con così tanta grinta per una squadra di Forlì”.

Edoardo Giovara (compagno di squadra): Come giocatore è molto giovane, intelligente ed in crescita. Sa bene dove può e deve migliorare. Sembra molto più grande e maturo della sua età e questo lo rende un tipo furbetto!

Giampaolo Di Lorenzo (coach Tigers Forlì): Rossi con tutti gli altri ragazzi come Plachesi e Biffi, li ho conosciuti a giugno per qualche allenamento e mi sono sembrati subito in gamba, per attitudine al lavoro, passione e capacità di apprendimento. Ha il merito di essere il figlio di un grande ciclista forlivese, Maurizio che ha a sua volta, il merito di avermi messo sulla bici.

Profilo
DATAAVVERSARIORISULTATIPTIMINFCFSTIRI DA 2 %TIRI DA 3 %TIRI LIBERI %RTSDPPPRASS
PROSSIME PARTITE