3
player

Francesco Papa

Ala/Centro
Nazionalità:
flag Italy, Pescara
Età:
23
Peso:
85 kg
Altezza:
198 cm
0
Tiri da 2
33
Tiri da 3
0
Tiri Liberi
1.5
Punti
0.5
Rimbalzi
0
Stoppate
0
Recuperi
0
Assist
Società di Provenienza

THE PLAYER

Francesco inizia a giocare su sollecitazione della madre e passa dalla vela al basket. Muove i primi passi nella serie C di Brescia, con Fattoria Roberti NBB. Lì conosce l’allenatore Maurizio Marinucci, che lo prepara nella Serie C, e vi rimane fino all’età di 17 anni, quando si trasferisce a Pescara. In Abruzzo prima gioca con le giovanili di Roseto poi per 2 anni con la prima squadra nel campionato di DNB (Mec-Energy Roseto) e in quello di DNA Silver (Roseto Sharks). Il secondo anno riesce a conquistare la promozione in A2. Prova poi un’esperienza in serie B con la Pall. Giulianova, ma lì il suo ruolo è limitato al cambio con l’americano e decide quindi di fare quindi ritorno a Roseto. Nella stagione 16/17 passa a Teramo dove trova un ruolo da protagonista, riuscendo ad attirare l’interesse di coach Di Lorenzo, alla vigilia della sfida tra La Meta Teramo e Tigers Forlì. Il suo procuratore lo informò di questo e, forse per l’emozione, giocò la sua “peggior partita” di stagione. Il suo ricordo più bello è legato alla vittoria nel derby a Roseto sul filo di lana, giocando titolare. Vuole fare una grande stagione a Forlì e crescere il più possibile. Il suo sogno è giocare un giorno in serie A e viaggiare per il mondo. Nel gioco si ispira a Rondo.

DICONO DI LUI

Giangiacomo De Vincenzo (amico e ex compagno di squadra): “Quando Papa Francesco (il Santo Padre) è stato eletto eravamo a cena insieme, io lui e la mamma scherzavamo e scommettevamo sul nome che avrebbe potuto scegliere…indovina quale ha scelto? Sono un po’ di parte ma sono molto critico, amo il suo modo di giocare, se fossi un allenatore sarebbe uno dei giocatori che vorrei sempre con me! È un lavoratore molto serio e un vero professionista! Ottimo acquisto”.Piero De Dominicis (Compagno di squadra): “Ne ha passate di tutti i colori, comunque affronta tutto con la massima positività e questo riesce a dargli una grande forza. Come giocatore è molto migliorato, è sempre stato un ottimo atleta ma ultimamente dal punto di vista tecnico ha fatto degli enormi passi avanti e questo è stato evidente nell’ultimo campionato che ha disputato risultando uno dei migliori “giovani” della serie B; ha messo su un bel tiro che gli permette di essere un ottimo giocatore perimetrale e soprattutto per le scelte che fa in campo è maturato molto”.

Luca Izzo (ex compagno): “Ho conosciuto “sua santità” due anni fa a Roseto degli Abruzzi dove abbiamo vestito la stessa maglia per la prima volta. Abbiamo condiviso casa e siamo subito diventati amici fraterni. Da qualche anno ad oggi è migliorato molto sia fisicamente che tecnicamente, è una bravissima persona dentro e fuori dal campo e sono felice di aver condiviso molto con lui”.

Maurizio Marinucci (ex allenatore giovanili): “Ho allenato Francesco nelle giovanili e aveva iniziato da poco a giocare a basket, ma è evidente il tipo di determinazione che aveva e che continua ad avere. È sempre utile per le squadre in cui gioca perché capisce i momenti delle partite. È capace di fare una cosa piccola ma determinante, Francesco è uno di quei giocatori che non bisogna mai giudicare dalle statistiche perché fa tante cose che non vengono registrate ma che occhi attenti di esperti e allenatori non possono non notare”.

Profilo
DATAAVVERSARIORISULTATIPTIMINFCFSTIRI DA 2 %TIRI DA 3 %TIRI LIBERI %RTSDPPPRASS
PROSSIME PARTITE