No, non svegliate Cesena, perchè quello che sta vivendo è un sogno. I bianconeri superano di carattere una Rieti imbottita di giocatori da categoria superiore e lo fa con autorità, mettendo in campo la giovane sfaggiattaggine di Ezio Gallizzi e la tanto attesa esplosione di Obinna Nwokoye che segna e insieme a Genovese toglie di fatto dal match lo spauracchio Chiumenti.

Di fatto la Sebastiani mette il muso avanti sulla metà di secondo quarto, per poi tornare subito dietro, imbrigliata da una difesa arcigna che poso concede agli avversari, bravi comunque ad approfittarne con le fiammate dell’ottimo Piazza, Traine e Contento.

Cesena è super nell’ultimo quarto, quando viene chiamata sul punto a punto all’ultimo colpo di pedale in vista dle traguardo. Gli errori di Piazza e Anumba dalla lunetta spostano l’inerzia prima da una parte e poi dall’altra, ma la difesa a pochi secondi dal termine sulla rimessa in attacco di Rieti è da manuale e l’infrazione di 5 secondi premia la volgia e il carattere dei Tigers, che di fronte al proprio pubblico miglior esordio non poteva proprio chiedere.

Tigers Cesena – Real Sebastiani Rieti 61-58 (12-9, 23-16, 12-15, 14-18)

Tigers Cesena: Obinna Nwokoye 16 (5/7, 0/0), Giulio Mascherpa 15 (4/8, 1/4), Salvatore Genovese 9 (2/6, 1/6), Ezio Gallizzi 8 (1/5, 2/4), Simon Anumba 5 (2/4, 0/2), Fabio Bugatti 5 (1/3, 1/1), Antonio Brighi 3 (0/1, 1/4), Rene’ maurice Ndour 0 (0/2, 0/0), Gioele Moretti 0 (0/0, 0/0), Vladan Arnaut 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 13 / 18 – Rimbalzi: 43 10 + 33 (Giulio Mascherpa, Salvatore Genovese, Simon Anumba 8) – Assist: 12 (Giulio Mascherpa 6)

Real Sebastiani Rieti: Andrea Traini 17 (3/6, 3/6), Alessandro Piazza 15 (3/5, 2/3), Marco Contento 10 (1/3, 2/6), Federico Loschi 7 (1/2, 1/5), Mario jose Ghersetti 6 (1/3, 1/4), Omar Dieng 2 (0/0, 0/6), Alberto Chiumenti 1 (0/3, 0/0), Lorenzo Piccin 0 (0/0, 0/4), Roman Tchintcharauli 0 (0/1, 0/0), Klaudio Ndoja 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 13 / 22 – Rimbalzi: 27 5 + 22 (Alberto Chiumenti 7) – Assist: 8 (Alberto Chiumenti 2)