La più classica delle partite impossibili, fra due formazioni di rango differente così come differente è il momento che stanno attraversando. Corazzata l’una, squadra con ambizioni playoff l’atra. Ospiti reduci dalla splendida vittoria contro l’antagonista designata, Rimini; Tigers reduci invece dalla sconfitta di Imola.

Non per questo Cesena giocherà con il freno a mano tirato. Anzi! Per Mascherpa e compagni sarà l’occasione perfetta prima di tutto per giocare a mente sgombra, con l’obbligo di dimostrare davanti al proprio pubblico tutto il proprio potenziale e soprattutto quella sana cattiveria agonistica vera assente nel momento clou del match d’esordio al PalaRuggi. I Tigers hanno palesato quanto il processo di amalgama richieda ancora un po’ di tempo per poter iniziare a dare i frutti progettati in estate e l’ottimo lavoro svolto in settimana dalla truppa di coach Tassinari segna sicuramente un passo importante in questa direzione. Più che ai singoli, dunque, il tecnico bianconero al termine dei 40 minuti contro la Sebastiani Rieti si concentrerà sullo step evolutivo del gruppo soprattutto in termini di carattere. Già, perché per affrontare squadroni come quello laziale serviranno grinta e determinazione, con l’obiettivo di sfruttare al meglio, nel caso, eventuali passaggi a vuoto degli avversari.

Avversari che non hanno bisogno di presentazioni. A partire da coach Finelli in giù, infatti, basta leggere i nomi elencati nel roster laziale per comprendere quando l’obiettivo della società del Presidente Pietropaoli sia chiaramente la A2. Tanti gli uomini di esperienza, soprattutto al piano di sopra, come il playmaker Alessandro Piazza, la guardia Traini, piuttosto che il poliedrico play Stanic. Nel reparto ali poi campeggiano i nomi dell’ex Ravenna Chiumenti e Ghersetti, senza dimenticare Ndoja, che difficilmente però recupererà in tempo per la palla a due del Carisport.

Coach Tassinari non ha però alcuna intenzione di fare sconti ai propri ragazzi e non vuole sentire parlare di pronostico: “Come prima partita in casa non poteva esserci un esordio migliore. Incontriamo i primi della classe e questo è sempre super stimolante. Hanno battuto Rimini e sono imbottiti di giocatori da categoria superiore. Squadra dunque pericolosa ed esperta. Noi siamo pronti, ci siamo preparati al meglio e non abbiamo avuto noie in settimana. Dovremo fare una bella partita aggressiva e giocare la nostra pallacanestro. Dobbiamo dare filo da torcere a questa super squadra e provare a fare la prima impresa di questa stagione.”