Se c’è una partita che non ha bisogno di presentazioni o di lavoro motivazionale in settimana è Faenza – Cesena. Non è semplicemente un derby. È il derby con la “D” maiuscola. Una partita che da quando i Tigers sono stati inseriti nel Girone B, due anni orsono, e hanno iniziato a percorrere insieme a Faenza il cammino della Serie B dopo essersi incrociati anche in Serie C, ha assunto i connotati del derby a tutto tondo e ogni anno rinnova la propria storia con elementi che lo impreziosiscono e lo rendo ancor più affascinante, avvincente. Quest’anno, per esempio, la ciliegina sulla torta sarà rappresentata dalla folta presenza di cesenati al seguito di Brkic e compagni.

Già, quel Brkic che nella partita di andata fu ingiustamente espulso. Quel Brkic che nella semifinale di Coppa Italia dell’anno scorso scardinò il canestro del PalaSavelli a partita abbondantemente chiusa a favore dei bianconeri. Partita abbondantemente chiusa che non è per nulla una costante nel derby fra Cesena e Faenza. Vedasi la tripla allo scadere di De Fabritiis dello scorso anno al Carisport, quando Cesena e Faenza si incontrarono per la terza volta nella medesima stagione.

La rivalità fra le due formazioni si accende però la stagione prima ancora, quando i Tigers, ancora a Forlì, ospiti di una Faenza agguerritissima, caddero sorpresi dalla fisicità manfreda messa in campo nel secondo tempo. Finale accesissimo che costò pure la squalifica a partita conclusa all’allora play arancionero Gianluca Carpanzano, colto sul fatto mentre rispondeva ad altrui provocazioni. Da lì, giocatori come Papa e Battisti, tuttora in maglia Tigers, hanno inserito la modalità “win” senza più perdere di fatto un derby contro Faenza. Quattro vittorie nelle ultime 4 edizioni, ben 3 nella sola stagione scorsa. Un trend che Cesena deve assolutamente mantenere perché in ballo ci sono due punti preziosissimi per la definizione dei primi posti in vista dei playoff. Un’alta classifica decisamente ricca di concorrenza e che pertanto non ammette alcuna distrazione. Tornare a casa da Faenza con due punti in tasca vorrebbe anche dire fare il pieno di fiducia per affrontare poi il successivo big match contro la capolista Cento, con l’obiettivo di ribaltare il -13 dell’andata, condizione sufficiente ma che, in caso di sconfitta bianconera sui legni del PalaCattani, diventerebbe anche necessaria.

Raggisolaris Faenza – Amadori Tigers Cesena va in scena domenica 9 febbraio alle 18:00 al PalaCattani di Faenza. Arbitrano Pietro Rodia si Avellino e Giuseppe Vastarella di Napoli. L’Area Comunicazione non ha programmato la diretta streaming per i tifosi cesenati. Unico modo per vivere live le emozioni del derby con la “D” maiuscola è quello di recarsi al PalaCattani e tifare Cesena!