I Tigers Cesena si lasciano l’Abbazia del Monte alle spalle e muovo verso Sud, direzione Rimini, con pullman di tifosi al seguito. Dopo quella contro Fabriano sabato scorso, mercoledì sarà di nuovo battaglia da alta classifica in casa della Rinascita Basket Rimini, terza insieme a Cesena a quota 26 punti in classifica. Due fra le squadre più in forma del momento, con Rimini reduce dalla ottava vittoria consecutiva conquistata sul campo di Ancona, e Cesena forte della nona vittoria nelle ultime 10 partite, si affrontano in un derby che promette spettacolo e adrenalina. Alto il rendimento dei biancorossi di coach Bernardi fra le mura amiche del Flaminio, dove sì hanno perso 3 volte, ma dove raccolgono di media 79 punti, ovvero ben 13 in più di quelli segnati dai Tigers lontano dal Carisport.

Servirà dunque una partita attenta in difesa per Brkic e compagni, che dovranno limitare al massimo i ritmi alti imposti da Rimini e non potranno permettersi alti e bassi per non rischiare di concedere fughe difficilmente recuperabili ai padroni di casa. Senza troppe particolari ambizioni alla vigilia del campionato, i rivieraschi si stanno presentando come una delle squadre e delle piazze più pronte per riconquistare la ormai troppo lontana nel tempo Serie A. In tal senso va letto il sorprendente acquisto di Alexander Simoncelli nel cosiddetto mercato di riparazione. Compagno di Scanzi lo scorso anno nella Milano neopromossa in Serie A2, il play classe 1986 ha disputato 3 partite in maglia Rimini, segnando poco meno di 8 punti di media in 20 minuti di utilizzo.  Oltre a Simoncelli, autore di 11 punti nel match di domenica scorsa sul campo di Ancona, sono tanti i giocatori riminesi che possono toccare la doppia cifra. Su tutti, Tommaso Rinaldi, sotto le plance, che in coppia con Giorgio Broglia rappresentano una coppia davanti alla quale servirà il pacchetto lunghi al gran completo per una Cesena che non potrà permettersi i problemi di falli di Gioacchino Chiappelli. Tiro da fuori, penetrazioni a testa bassa e rimbalzi, sono invece caratteristiche distintive del top scorer Francesco Bedetti, che chiude di media a quota 14,8 con 4,5 rimbalzi. Attenzione poi agli exploit della giovane ala classe 1999 Nicolò Moffa, ma come non citare il playmaker Eugenio Rivali. Un’orchestra perfettamente diretta da coach Massimo Bernardi, che avrà tanta voglia di rifarsi dopo la sconfitta subita all’andata al Carisport.

Palla a due al Flaminio alle ore 21:00 di mercoledì 29 gennaio. Arbitrano Luca Bartolini di Fano e Nicolò Bertuccioli di Pesaro.