In occasione del match di domenica 24 novembre contro Senigallia la Amadori Tigers Cesena, in collaborazione con il Comune di Cesena, celebrerà la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne insieme al Centro Donna, che sarà presente con un corner all’ingresso EST dell’impianto cesenate. Durante l’esecuzione dell’Inno di Mameli verrà esposto lo striscione “E tu che uomo sei? Le sei accanto o sei contro di lei?”. Contestualmente saranno ospiti dei Tigers le ragazze della Nuova Virtus Cesena che accompagneranno i giocatori in campo durante il protocollo della presentazione delle squadre e, durante l’intervallo, impegneranno il parquet con una partita dimostrativa. Di seguito le dichiarazioni dell’Assessore alle Politiche delle Differenze Carlo Verona e Carolina Porcellini, coordinatrice della Coop. Libra, gestore del Centro Donna del Comune di Cesena.

“Da anni il Comune di Cesena – spiega l’Assessore alle Politiche delle Differenze Carlo Verona – con il Forum Donne formato dalle Associazioni femminili, e il supporto dell’Ufficio Politiche delle Differenze e del Centro Donna, è impegnato nella sensibilizzazione sulle pari opportunità fra i generi, nella valorizzazione di tutte le differenze, e nel contrasto e prevenzione di ogni forma di discriminazione, abuso e violenza. In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne del 25 Novembre 2019 è stato messo a punto un ampio programma di eventi raccolti sotto il titolo ‘E tu che uomo sei? Le sei accanto o sei contro di lei?’  Un invito a riflettere, rivolto in particolare ai tantissimi uomini che si indignano per i casi di violenza, maltrattamento e stalking, di cui sono vittime anche le donne del nostro territorio. Gli uomini sono chiamati ad agire a prendere posizione chiaramente in coscienza e nella società civile, riguardo il grave fenomeno della violenza contro le donne, di così grande attualità ed ampie dimensioni, oltretutto sempre sottostimate. La responsabilità sociale del fenomeno ricade infatti sull’intera comunità, uomini e donne, famiglie, insegnanti, sistemi di comunicazione: responsabilità educativa e partecipativa innanzitutto, riguardo l’interiorizzazione collettiva e individuale del concetto di rispetto verso gli altri e fra i generi.”

“Solo nel primo semestre 2019 il Centro Donna del Comune di Cesena, gestito dalla coop. Libra- spiega la Coordinatrice Carolina Porcellini – ha registrato l’accesso di 52 donne che hanno segnalato necessità di ascolto e aiuto in quanto vittime di violenza, di cui 38 hanno richiesto consulenza: 31 donne hanno beneficiato di 143 colloqui psicologici; 25 sono state accompagnate invece agli altri servizi della rete antiviolenza. Si tratta soprattutto di donne italiane, sposate o conviventi, madri di minorenni, occupate, nella fascia di età dai 41 ai 50 anni, irretite in un contesto familiare maltrattante. Dei 74 colloqui di informazione giuridica realizzati nei primi sei mesi del 2019, 33 riguardavano separazioni altamente conflittuali, 19 casi di maltrattamento familiare, 4 di stalking, 1 di violenza sessuale e 2 di molestie e mobbing sul lavoro”